Il sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza utente, ti consigliamo di accettare l'uso per goderne appieno della navigazione.

cancel
IL MIELE DI MANUKA: ANCORA OGGI COME NELL’ANTICHITA’ UNA CURA NATURALE

IL MIELE DI MANUKA: ANCORA OGGI COME NELL’ANTICHITA’ UNA CURA NATURALE

Pubblicato il:   mag 12, 2020     Benessere     0Commenti

IL MIELE DI MANUKA: ANCORA OGGI COME NELL’ANTICHITA’ UNA CURA NATURALE

Il miele di Manuka viene così chiamato perché deriva dalla pianta Manuka,dai cui fiori le api riescono ad ottenere il nettare e produrne il miele.

Sin dall’antichità è stato utilizzato a scopo medicamentoso:ce lo insegnano i Maori in quanto veniva usato,non solo come alimento perchè delizioso ma anche per la cura delle ferite,delle bruciature e ulcere. Verso la fine del XIX secolo sono state confermate le sue proprietà antibatteriche,antivirali,antinfiammatorie e addirittura antiossidanti per il nostro organismo e per questo oggi fa parte anche della farmacologia contemporanea.

Ma perché il miele di Manuka viene usato come antibatterico? Questo particolare miele contiene numerose sostanze,chiamati fattori antimicrobici, i quali riescono a contrastare molti ceppi batterici tra cui il rinomato E.Coli e lo Staphylococcus Aureus. Tra questi fattori antimicrobici quello che risulta essere fondamentale è il Metilgliossale chiamato anche con la sigla MG, un prodotto che in realtà è anche presente negli altri tipi di miele ma in una quantità di gran lunga minore a quello di Manuka,il chè ne spiega i benefici di quest’ultimo.

La quantità del Metilgliossale contenuto nel miele determina la carica antibatterica del miele stesso: difatti maggiore quindi sarà la concentrazione del Metilgliossale maggiore saranno i benefici antibatterici del miele. Proprio per questo gli studiosi hanno ideato una vera e propria scala per la valutazione della capacità antibatterica del miele che viene espressa con un’unita di misura, l’UMF (che sta per Unique Manuka Factor). Degli studi hanno evidenziato che per poter aver dei veri effetti antibatterici il miele deve presentare almeno un punteggio di 10UMF.

Principali usi Grazie alle sue grandi proprietà che abbia già elencato il miele di Manuka viene utilizzato come cura naturale di molte malattie che possono colpire la pelle tra i quali:

 Ferite  Ustioni  Acne  Psoriasi  Dermatite  Piaghe

E’ infatti molto utile nel processo di guarigione della cute in quanto si è scoperto che è in grado di mantenere le ferite pulite e idratate e soprattutto riesce a stimolare la formazione di nuovi vasi sanguigni,indispensabili per la guarigione di un’abrasione o traumi del genere che colpiscono la nostra cute. Oltre ai suoi utilizzi sulle ferite,le sue proprietà si sono rivelate utili per:

 Ridurre il colesterolo  Prevenire i tumori  Il trattamento dei disturbi gastrointestinali  Il trattamento delle infezioni a livello delle vie aeree superiori

Riprendendo quest’ultimo punto,il miele di Manuka viene utilizzato soprattutto nel trattamento del mal di gola e della tosse. E’ possibile infatti curare questi fastidiosi sintomi con un prodotto naturale in quanto è anche ricco di sali minerali,vitamine e oligominerali con proprietà mucolitiche in grado di fluidificare i muchi e sfiammare la gola. Proprio per questo motivo è uno degli elementi che vengono utilizzati per creare gli sciroppi usati da adulti e anche dai più piccini! Insomma il miele di Manuka risulta essere ancora oggi uno dei migliori alleati di coloro che vogliono condurre una vita più sana,eliminando quei fastidiosissimi disturbi ma allo stesso tempo usando uno dei più grandi rimedi naturali!

Rispondi